Pur essendo caratterizzati da dimensioni simili ad un comune altoparlante, i più moderni smart speaker sono in grado di dialogare con gli utenti di una casa ma, soprattutto, di eseguire una serie di comandi. Nei prossimi mesi, rientrando in casa con le mani ingombre dalla spesa, sarà così sufficiente pronunciare "accendi le luci". Oppure, uscendo di fretta, basterà dire "chiudi tutto" per chiudere le tapparelle, spegnere le luce e abbassare la temperatura.
I primi prodotti in grado di dialogare con i controlli domestici sono già sul mercato e dovrebbero arrivare in Italia a cavallo dell'estate, pronti per interfacciarsi con i principali produttori di soluzioni per la smart home, ovvero l'evoluzione delle domotica.
Ma quali sono le offerte attuali?
Dalle prime indiscrezioni Apple ha scelto di puntare sul proprio ecosistema posizionandolo nella fascia alta. Lo smart speaker HomePod, infatti, offre anche ottime prestazioni in termini di qualità musicale.
Diversa la scelta dei concorrenti Google e Amazon, che puntano più su un mercato di massa. Ma anche altri marchi si stanno muovendo in modo significativo, pur disponendo di una minor forza in termini di brand.
I dispositivi Google Home, in particolare, dispongono di un supporto integrato per l'automazione domestica, grazie alla quale gli utenti possono controllare, con la sola voce, gli elettrodomestici intelligenti.
A maggio 2017, Google ha annunciato diversi aggiornamenti alle funzionalità di Google Home e dispone già di un supporto integrato per l'automazione domestica, che consente agli utenti di controllare elettrodomestici intelligenti con la voce.
Nel 2014 ha visto la luce Alexa, un assistente vocale che ha preso le forme di Amazon Echo. Una cassa cilindrica con microfono. Noi parliamo, Alexa risponde, interagendo con le ricerche che svolge su internet o con gli oggetti connessi con Amazon Echo e la casa.
Alexa esegue i compiti che sono tipici di tutti gli assistenti vocali e in più è la connessione con lo store di Amazon, dove facciamo ormai una buona parte dei nostri acquisti.
Amazon Echo al momento non è disponibile in Italia ed Alexa parla ancora solo in Inglese.
La sfida è comunque aperta. E gli assistenti vocali rivestiranno un ruolo fondamentale per trainare gli smart speaker. Un recente studio di Ovum, a livello mondiale, vede attualmente la leadership di Apple e Samsung. Nell'arco dei prossimi mesi si prevede però il sorpasso da parte di Google.
Uno dei protagonisti della smart home potrebbe essere Samsung, che ha presentato l'assistente digitale Bixby, attivabile con un tasto dedicato sui nuovi smartphone. L'ingresso della società Sudcoreana nella smart home è inoltre favorito dalla sua produzione di elettrodomestici intelligenti.